Un’oca simile, mai vista!

Nell’antico Egitto era particolarmente apprezzata la cucina realizzata con la carne, frutto del caccia: gazzelle, antilopi e volatili erano piatti succulenti da fare sulla brace, soprattutto le oche.
Con una certa frequenza, all’interno delle sepolture, si trova una raffigurazione parietale come la scena della foto che vedete in allegato (tranne i numeri romani!ma che ci aiutano a capire la sequenza dei segni) che verrà sfruttata per una brevissima lezione di geroglifico. Ci sono due file di geroglifici e alcuni segni finiscono all’interno della scena. Come leggerli? Si legge prima quella superiore e poi quella sotto. Si partirà, in questo caso, da sinistra a destra (il trucco per capire la direzione è verificare dove guardano i segni). In questo caso, ci viene detto: “Io arrostisco sin dall’inizio dei tempi.Non ho mai visto un’oca simile a questa”.
E per prepararla? “Pulire il volatile delle interiora, privarlo della testa, della coda e delle zampe, salarlo abbondantemente e infine infilzarlo in un lungo spiedo per la cottura”.

20130414-161731.jpg

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...