Kebbe zengliye

Lo studio dei grandi monoteismi, accantonato l’aspetto teologico, consente di ricavare molti aspetti legati alle tradizioni alimentari dei popoli, delle comunità dei credenti delle diverse fedi che in comune hanno non solo profeti ma lo stesso scenario geografico. Molti piatti ancora oggi preparati durante le festività affondano le loro radici indietro nel tempo e sotto questa luce vanno indagati.
La cucina cristiana, a differenza delle altre due tradizioni culinarie della Terra Santa (ebraica e islamica) non ha nessun vincolo di utilizzo di ingredienti e può attingere a un vasto repertorio di alimenti.
Oggi proponiamo una ricetta che viene preparata in Siria durante la Quaresima e che, con qualche piccola variante, si è replicata nei secoli:
Kebbe zengliye.
Si usano gli spinaci, che vengono tritati e impastati con del prezzemolo, del burghul (già incontrato qualche post, il grano spezzato), della cipolla finemente tritata, farina, sale e coriandolo.
All’impasto vengono aggiunti i ceci che sono stati precedentemente cotti e a questo punto si possono realizzare delle polpette.
In una padella con dell’olio caldo e le friggiamo.
I Kebbe (polpette) sono così pronti per essere serviti con una ciotolina contenete del dibbs ruman (melassa di melograno) per poterli intingere.

20130428-110222.jpg

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...