La manna

“La casa d’Israele la chiamò manna. Era simile al seme del coriandolo e bianca; aveva il sapore di una focaccia con miele.” (Esodo 16, 31)

the-gathering-of-the-manna-1621

La storia la conosciamo. Il popolo di Israele in marcia nel deserto termina le provviste e Dio, ascoltando le lamentele , al mattino fa trovare la manna e “Al tramonto mangerete carne […]; saprete che io sono il Signore vostro Dio”. 13 Ora alla sera le quaglie salirono e coprirono l’accampamento”. (Esodo 16, 12-13).

Molti artisti rappresentarono il tema della raccolta della manna, il cibo degli angeli come si può evincere dal meraviglioso dipinto di Guido Reni (sopra), La Caduta della manna, del 1615, presente nella Cappella del Santissimo sacramento del Duomo di Ravenna.

Due angeli, infatti,  fanno la loro comparsa tra le nuvole e lasciano cadere dalle loro mani la manna.

Sotto il popolo di Israele,  che su indicazione di Mosè, rappresentato avvolto in una grossa toga di color rosso accesso,  raccoglie la manna in panieri e brocche nella giusta quantità, per soddisfare esclusivamente il fabbisogno quotidiano senza avanzare il materiale caduto dal cielo.

Piccola digressione: notate che Mosè è dotato di “corna”? Nel Libro dell’Esodo (34-29) la probabile risposta: “Poi Mosè scese dal monte Sinai. Egli aveva in mano le due tavole della testimonianza quando scese dal monte. Mosè non sapeva che la pelle del suo viso era diventata tutta raggiante mentre egli parlava con il Signore”. Nulla di strano, tranne che la faccia di Mosè fosse raggiante, emettesse luce, raggi. Nelle prime traduzioni della Bibbia e che condizionarono per secoli l’immaginario della gente e soprattutto degli artisti che si occupavano di realizzare temi sacri, pare che l’ebraico “karan” o “karnaim” – “raggi” – fosse stato confuso con “keren” – “corna”

Torno al menù non vario ma perlomeno sostanzioso: manna e quaglie, o meglio focaccia di manna e quaglie allo spiedo.

Detto questo, rimane il problema del sapore della manna, perchè il gusto generico di focaccia al miele, bianca e dolce, non deve aver soddisfatto le curiosità di chi si avvicinava allo studio dei testi sacri o anche più semplicemente dei curiosi. Infatti, nel Midrash (commento alle Scritture) viene approfondito il discorso anche se lascia sospeso il sapore: “un giovane uomo ravvisò il gusto del pane, un vecchio il gusto del miele e un bimbo il gusto dell’olio”.

Parrebbe, quindi, che il gusto della manna cambiasse da persona a persona in base ai gusti personali o a ciò che in quel momento avrebbe desiderato gustare.

Va bene, ok, passi il discordo del gusto, ma cos’è era la manna?

Con ogni probabilità erano le spore di un lichene trasportate dal vento. La manna ‘che venne dal cielo’ si pensa possa essere il Lecanora esculenta, tipico del Medio Oriente e con questi semi, ancora oggi, una volta caduti dal cielo e macinati, i nomadi realizzano delle focacce.

Dopo le corna di Mosè, svelato anche il miracolo della manna?

3634925

Bernardo Luini – la raccolta della Manna.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...